Categorie
Telefonia & Affini

Samsung ritira dal mercato il Galaxy Note 7 dopo 35 casi di esplosione

Appena lanciato sul mercato, il nuovo dispositivo aveva venduto già un milione di pezzi. Il presidente della sezione mobile, Koh Dong-jin, tranquillizza i clienti: “Chi ha già acquistato il cellulare, potrà sostituirlo con un altro smartphone.”

Dopo due settimane dal lancio del nuovo Galaxy Note 7, Samsung ritira e blocca le vendite del nuovo cellulare. Sono infatti 35 i casi di esplosione, causati da problemi di batteria. Il presidente della sezione mobile del colosso sudcoreano, Koh Dong-jin, ha dichiarato che chi ha già acquistato il dispositivo potrà sostituirlo con un altro smartphone. In due settimane il nuovo Galaxy Note aveva venduto già un milione di pezzi.

Dopo il blocco delle vendite di qualche giorno fa, Samsung passa alle vie di fatto e ufficializza il ritiro dal mercato del suo nuovissimo phablet Galaxy Note 7 a neanche due settimane dal debutto.

Il problema, che era emerso nei giorni scorsi e che inizialmente sembrava essere legato solo ai modelli commercializzati in Corea, è legato all’inaffidabilità della batteria, che a quanto pare tendono a incendiarsi se non addirittura ad esplodere sotto carica.

Secondo Samsung il problema si verificherebbe quando lo smartphone esegue operazioni di upload di file multimediali sul cloud mentre è in ricarica, ma in ogni caso la situazione è particolarmente pericolosa e dunque la decisione del ritiro non più procrastinabile. I casi accertati fino ad ora sono infatti 35, più che sufficienti dunque, anche se, da quando è disponibile il phablet, ha già venduto oltre 1 milione di pezzi. Come sappiamo dunque al momento la situazione non riguarda l’Italia, dove il Note 7 sarebbe stato disponibile a breve.

La circostanza creatasi potrebbe tradursi in un duro colpo per Samsung che aveva puntato sul Galaxy Note 7, unitamente ai nuovi Galaxy S7 ed S7 Edge, per rilanciare un anno fiscale non proprio positivo. Con le vendite bloccate fino a data da destinarsi dunque la situazione potrebbe diventare nuovamente critica.

Categorie
Telefonia & Affini

Come installare Android 6.0 M con la rom CyanogenMod 13 su Samsung Galaxy S4

Samsung Galaxy S4, dopo esser stato aggiornato ufficialmente alla versione 5.0.1 Lollipop nel maggio del 2015, riceve anche Android 6.0 Marshmallow grazie a CyanogenMod 13. Circa 3 anni e mezzo dopo la sua comparsa sul mercato, il dispositivo continua a tenere testa ad un gran numero di terminali ben più moderni. Come ben sappiamo i produttori di smartphone hanno l’obbligo contrattuale di fornire aggiornamenti per un periodo minimo di 18 mesi dalla prima commercializzazione dello smartphone. Galaxy S4, però, ha di gran lungo sforato questo termine e, dunque, non verrà mai più aggiornato ufficialmente dal gruppo sud-coreano.

Tuttavia, per i suoi fortunati possessori vi sono delle liete novelle. La comunità CyanogenMod ha rilasciato la sua versione numero 13 (quella che apporta Android 6.0 Marshmallow) anche su questo terminale, attraverso la ROM “ZNH5YAO0J3”. Il peso di quest’ultima è di circa 326 MB ed essa contiene tutti gli ultimi aggiornamenti di sicurezza, temi esclusivi, wallpaper, nuove short-cut e tantissime altre nuove feature da integrare.

Samsung Galaxy S4 CyanogenMod 13, funzioni principali introdotte

  • Wi-Fi Tethering – Spegnimento automatico dell’hotspot in caso di inutilizzo per diversi minuti;
  • Profili – Aggiunge le notifiche a colori;
  • Modalità non disturbare;
  • Modalità prioritaria;
  • Uso dati – Blocca l’accesso ad internet per singola app;
  • Supporto Bluetooth – Una nuova icona mostra il livello di batteria dei device collegati tramite Bluetooth al dispositivo;
  • Ritorno della schermata di blocco con wallpaper;
  • Nuova schermata di blocco con app meteorologiche;
  • Schermata di blocco Blur;
  • Snap Camera;
  • Gello Browser;
  • Supporto Cyanogen Apps;
  • Nuovi CM SDK APIs;
  • Fix di sicurezza.

Samsung Galaxy S4 CM13, pre-requisiti

Prima di procedere all’operazione di installazione della ROM, vi ricordiamo che essa invalida in ogni modo la garanzia e che si tratta di una procedura molto tecnica. Vi consigliamo, quindi, di eseguirla con le dovute cautele e solamente nel caso in cui possediate delle conoscenze appropriate.

  • La ROM installa Android 6.0.1 Marshmallow ed è valida esclusivamente su Samsung Galaxy S4 LTE GT-I9505 (jfltexx) e su nessun altro device;
  • Ottenere i permessi di root del dispositivo, prima di procedere all’installazione;
  • Effettuare un backup di tutti i dati, in quanto il procedimento formatta completamente lo smartphone;
  • Installare la (CWM) Recovery/ TWRP al fine dell’eliminazione di tutti i dati presenti;
  • Installare i driver USB sul PC;
  • Livello di batteria del device superiore all’80%.

Samsung Galaxy S4 CM13, procedura d’installazione

Ecco la procedura per installare la versione 13 di CyanogenMod su Samsung Galaxy S4:

  • Scaricare CM13 (ZNH5YAO0J3) da qui;
  • Collegare lo smartphone al PC;
  • Copiare il file appena scaricato all’interno della root della memoria interna del terminale;
  • Spegnere il telefono e scollegarlo dal PC;
  • Avviare il telefono in modalità recovery (premere tasto volume giù + pulsanti d’accensione);
  • Una volta entrati nel menù TWRP, eliminare tutti di dati presenti sul dispositivo selezionando l’opzione “Wipe data” e successivamente su “Swipe to Factory Reset” per ripristinare i dati di fabbrica;
  • Ritornare nel menù principale della recovery TWRP ed installare il file .zip contenente la ROM (quello appena scaricato);
  • Attendere alcuni minuti per far si che il processo si concluda (Apparirà la scritta “Successful”);
  • Sempre dalla recovery, installare le Google Apps;
  • In caso di eventuali problemi effettuare un “Wipe cache/dalvik” e ripetere la procedura.
  • Android 6.0.1 Marshmallow è stato installato sul nostro Samsung Galaxy S4.
Categorie
Telefonia & Affini

Asus ZenFone 3 Deluxe. Lo smartphone con 6 giga di ram che sfida i grandi (video)

Asus ZenFone 3 Deluxe 256GB è uno smartphone Android con caratteristiche all’avanguardia che lo rendono una scelta eccellente per ogni tipo di utilizzo, rappresentando uno dei migliori dispositivi mobili mai realizzati. Dispone di un grande display da 5.7 pollici e di una risoluzione da 1920×1080 pixel, fra le più elevate attualmente in circolazione. Le funzionalità offerte da questo Asus ZenFone 3 Deluxe 256GB sono innumerevoli e tutte al top di gamma. A cominciare dal modulo LTE 4G che permette un trasferimento dati e una navigazione in internet eccellente, passando per la connettività Wi-fi e il GPS. L’eccellenza di questo Asus ZenFone 3 Deluxe 256GB è completata da una fotocamera con un sensore da ben 23 megapixel che permette di scattare foto di alta qualità con una risoluzione di 5488×4112 pixel e di registrare video in 4K alla risoluzione di 3840×2160 pixel. Tra le altre caratteristiche dello Zenfone 3 Deluxe abbiamo il lettore di impronte digitali, 6GB di memoria RAM, sino a 256GB di storage espandibile, il processore Qualcomm Snapdragon 820 MSM8996, la fotocamera anteriore da 8, batteria da 3000 mAh con QuickCharge 3.0 e Android 6.0.1 Marshmallow con interfaccia ZenUI 3.0. Lo spessore di 7.5mm è veramente contenuto e rende questo Asus ZenFone 3 Deluxe 256GB ancora più spettacolare. Zenfone 3 Deluxe con 6GB di RAM e 64GB di memoria sarà in vendita a partire da 499 dollari. Non abbiamo ancora informazioni per quanto riguarda prezzi e disponibilità sul nostro mercato. Seguiteci per avere più notizie riguardo l’uscita in Italia e il prezzo nel nostro paese di questo device che promette di dare filo da torcere ai competitor più blasonati come Samsung. Nei prossimi articoli confermeremo o meno l’uscita nel nostro mercato della versione equipaggiata con l’ultimo chipset Snapdragon 823. Stay tuned.